Il movimento #Bastaimpianti porta ancora una volta tantissimi manifestanti in strada per dire No alla Euthalia srl e ridare dignità all’Agro caleno

Il movimento #Bastaimpianti porta ancora una volta tantissimi manifestanti in strada per dire No alla Euthalia srl e ridare dignità all’Agro caleno

PIGNATARO M. – Si è svolta nel pomeriggio (7 aprile) la manifestazione organizzata dal movimento #Bastaimpianti contro ogni ipotesi di devastazione ambientale dell’Agro caleno. Dopo aver scongiurato il pericolo rappresentato dalla piattaforma che voleva realizzare la Fratelli Gentile srl, il movimento ambientalista si è posto come obiettivo quello di bloccare anche il progetto della Euthalia srl (di cui abbiamo già pubblicato una sorta di “carta d’identità”). Il corteo partito dal centro cittadino di Pignataro Maggiore ha raggiunto la zona industriale, nei pressi dell’area nella quale la società con sede a Caserta vorrebbe realizzare l’impianto che andrebbe a trattare ammendanti agricoli (all’incrocio tra via del Conte e la strada statale Appia). A sfilare c’erano tantissime persone: famiglie intere, bambini, anziani, ecc. Dalla propria pagina Facebook, il movimento ha diffuso la seguente nota: “In tantissimi oggi in strada per protestare contro la ditta Euthalia. Finte promesse di lavoro, finto sviluppo, ecco il volto dell ecomostro che vuole imporre altri veleni a Pignataro. Un corteo eterogeneo e molto compatto dalla piazza ai terreni Euthalia ha ribadito che a Pignataro non si passa, metteremo i nostri corpi senza esclusioni di mezzi per impedire il suo arrivo. 3 gli stendardi affissi lungo il percorso: Michelina de Cesare, la donna brigantessa di Mignano Montelungo; Mazzamauriello, il folletto tanto caro alla tradizione popolare e San Giorgio che distrugge il male rappresentato dall’impianto. Piantato il melo del coraggio giù nella zona industriale, tra dolci e ristoro organizzato dalle donne del Movimento”.

Red.

Commenta con Facebook