Arrestato Genny del Bar Keller. I Carabinieri con i cani antidroga trovano un panetto di hashish di circa 100 grammi nel noto locale della “movida vitulatina”

Arrestato Genny del Bar Keller. I Carabinieri con i cani antidroga trovano un panetto di hashish di circa 100 grammi nel noto locale della “movida vitulatina”

VITULAZIO – I Carabinieri della Stazione di Vitulazio, congiuntamente ai colleghi della Compagnia di Capua e con l’ausilio del Nucleo “Regionale” Cinofilo dell’Arma di Sarno, nella serata di ieri (sabato 6 aprile), hanno messo a segno un massiccio blitz anti-droga sul Cavaiuolo, ovvero la centralissima Piazza Riccardo II di Vitulazio. Verso le ore 20,00, un imponente dispiegamento di forze, tra uomini e mezzi dei Carabinieri, faceva ingresso nel centro di Vitulazio, circondando l’intera zona della centralissima piazza e presidiando alcuni bar della “movida vitulatina” che venivano successivamente perquisiti con l’ausilio dei cani anti-droga. In particolare, i Carabinieri di Vitulazio irrompevano all’interno del “Bar Keller”, ubicato all’angolo tra Piazza Riccardo II e Via Roma, dove in quel momento vi erano diversi pregiudicati per reati di detenzione ai fini dello spaccio di sostanze stupefacenti. Dopo l’identificazione e la perquisizione corporea degli avventori presenti all’interno del bar, i Carabinieri di Vitulazio eseguivano una scrupolosa ispezione di tutti i vani del locale, ed avvalendosi dell’infallibile “fiuto” di alcuni cani anti-droga rinvenivano un panetto di hashish del peso di circa 100 grammi ed in parte già porzionato. Il titolare del bar, identificato in Gennaro R. (Classe 1997), dopo il rinvenimento dell’ingente quantitativo della sostanza stupefacente, veniva fermato e portato presso il proprio domicilio, dove i Carabinieri di Vitulazio e l’unità cinofila di supporto, effettuavano un’ulteriore perquisizione che dava un ulteriore esito positivo poiché venivano reperite, questa a volta a casa, altre stecche di hashish ed il relativo materiale per il confezionamento della medesima droga. A questo punto, il giovane barista Gennaro R., veniva prelevato e accompagnato presso gli uffici della Caserma dei Carabinieri di Vitulazio, dove veniva dichiarato in arresto in flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. La droga rinvenuta, sia all’interno del bar che presso la residenza del giovane Gennaro R., veniva sequestrata dai Carabinieri che, dopo le formalità di rito, conducevano l’arrestato presso la propria abitazione e sottoponendolo al regime detentivo degli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Infatti, nella giornata di lunedì, presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, sarà anche celebrato il processo con rito direttissimo a carico del giovane.

Rammentiamo che lo scorso mese di dicembre, sempre il “bar keller” di proprietà del giovane tratto in arresto nella serata di ieri dai Carabinieri di Vitulazio, su ordine del Questore di Caserta, il dr. Antonio Borrelli, venne già chiuso con la sospensione della licenza per 15 giorni (leggere articolo linkato a margine). Nella  serata di ieri, sempre nell’ambito dei servizi finalizzati al contrasto dell’uso e spaccio di sostanze stupefacenti, i Carabinieri procedevano alla perquisizione personale e veicolare di alcuni soggetti in transito per le strade del centro cittadino di Vitulazio. Inoltre, sono stati anche predisposti alcuni posti di blocco con varie “gazzelle” dei Carabinieri dotate dell’etilometro per il controllo su strada e per contrastare la guida in stato di ebbrezza. In conclusione, è importante ricordare che non si fermeranno le attività di controllo del territorio e d’indagine info-investigativa ad opera dei Carabinieri di Vitulazio e Capua, agli ordini del Capitano Francesco Mandia e dei Luogotenenti Crescenzo Iannarella e Gaetano Pirozzi, impegnati già da tempo per fermare il giro di spaccio di sostanze stupefacenti tra Vitulazio, Bellona ed altri comuni dell’agro capuano-caleno.

Leggi anche l’articolo dal titolo: “Il Questore sospende la licenza di un altro locale di Piazza Riccardo II. I Carabinieri “fanno chiudere” anche il bar ‘Keller’ per 15 giorni

Commenta con Facebook