Pignataro, prorogata l’autorizzazione per la gestione privata della cava in località “Masseria la Carità”. La società dovrà completare il recupero ambientale dell’area

Pignataro, prorogata l’autorizzazione per la gestione privata della cava in località “Masseria la Carità”. La società dovrà completare il recupero ambientale dell’area

PIGNATARO M. – La Eurocave srl continuerà a gestire la cava calcarea di località “Masseria la Carità” per i prossimi cinque anni. Lo ha deciso la Regione Campania, la quale, con decreto dirigenziale numero 45 del 18 febbraio scorso firmato dall’architetto Massimo Pinto, ha prorogato l’autorizzazione concessa con decreto numero 1 del 25/01/2011. La società che ha come amministratore unico Claudio Itro, già al centro di una lunga vertenza amministrativa con il Comune di Pignataro Maggiore, dovrà completare entro il 15 febbraio 2024 il progetto di coltivazione e recupero ambientale della cava. Nel medesimo decreto, l’Ente regionale ha stabilito che l’impianto di frantumazione grande dovrà essere utilizzato soltanto dopo l’acquisizione dell’Autorizzazione unica ambientale (AUA) – di cui la conferenza dei servizi in corso presso gli uffici della Provincia di Caserta. Il prolungamento dell’autorizzazione resta vincolata al pagamento dei contributi che la società deve corrispondere al Comune di Pignataro Maggiore e alla Regione Campania.

con decreto dirigenziale numero 104 del 21/12/2016, ha stabilito che la Eurocave srl potrà utilizzare soltanto l’impianto più piccolo dei due impiegati per la frantumazione e vagliatura del materiale calcareo estratto. Secondo quanto riportato nel documento firmato dal dirigente di Palazzo Santa Lucia, il dottor Sergio Caiazzo, per rimettere in moto l’impianto più grande, la società dovrebbe richiedere una nuova autorizzazione unica ambientale.

Red.

Commenta con Facebook