Pignataro, il “caro Babbo Natale” porta via più di 43mila euro per gli eventi svolti nel corso delle festività

Pignataro, il “caro Babbo Natale” porta via più di 43mila euro per gli eventi svolti nel corso delle festività

PIGNATARO M. – Non si può dire che a Pignataro Maggiore le ultime festività natalizie siano costate poco alle casse pubbliche. A conclusione delle operazioni di liquidazione delle spese sostenute per gli eventi previsti nel cartellone di eventi locali, infatti, è emerso che il “caro Babbo Natale” è costato ai contribuenti complessivamente 43.472,80 euro, di cui 23.472,80 messi a disposizione della Regione Campania e 20mila dall’Amministrazione che ha sede a Palazzo Scorpio. I fondi messi a disposizione dal Comune (liquidati con determina numero 54 del 30 gennaio scorso) sono stati impiegati dalla Pro Loco Pinetarium per il ciclo di eventi intitolato “Natale sotto le stelle” – edizione 2018. In base al cartellone previsto dall’associazione cittadina, ci sono stati quattro singole manifestazioni (evento musicale per l’8 dicembre, “aspettando Babbo Natale nella scuola per l’infanzia” il 21 dicembre, i fuochi d’artificio il 31 dicembre e “aspettando la befana” il 6 gennaio). A questi vanno aggiunti gli spettacoli e le animazioni tra il 22 e il 26 dicembre, e il truck food con artisti di strada tra il 29 e il 31 dicembre tra le casette allestite in piazza Umberto I. A tali costi si assommano i 23.472 euro stanziati dalla Regione Campania nell’ambito dell’anteprima del “Concorso internazionale di canto lirico Caruso – Pignataro, Paese della Musica”, ciclo di eventi la cui organizzazione è stata affidata alla società romana Ultralive srl – con determinazione numero 545 del 7 novembre 2018. Al dj Fargetta e al dj Giovanna Butera, per la serata del 29 dicembre, sono andati 6.466 euro. Nella successiva serata la performance di Luché è costata 12.200 euro. La serata conclusiva, il 31 dicembre, è costata 732 euro per l’esibizione del dj Simone Paleari. A tali spese vanno aggiunti 4,074,80 euro per l’allestimento del palco e del service audio. I costi relativamente alti, tuttavia, vanno commisurati al favore riscosso dagli eventi, sul quale, ovviamente, ci rimettiamo al giudizio dei cittadini.  

Red.

Commenta con Facebook