Capotreno aggredito sul regionale Piedimonte Matese-Napoli: fermato un 22enne

Capotreno aggredito sul regionale Piedimonte Matese-Napoli: fermato un 22enne

Si comunica che nella mattinata
odierna, personale del Polizia di Stato di Maddaloni (CE) ha tratto in arresto,
in flagranza del reato di violenza a incaricato di Pubblico Servizio,  N. L.
nato a Boudy – Senegal, classe ’96.

 In particolare,  gli operatori di  Volante del Commissariato di P.S. di
Maddaloni (CE) sono intervenuti presso  la Stazione Ferroviaria di Cancello Scalo
(CE), per segnalazione al 113 di avvenuta aggressione fisica da parte di un cittadino
straniero nei confronti del capotreno, del treno facente  tratta Piedimonte Matese (CE) – Napoli.

 In particolare, il giovane cittadino
senegalese aveva aggredito il capotreno, mentre quest’ultimo lo  stava invitando ad uscire dal mezzo pubblico, in
quanto sprovvisto del titolo di viaggio. Il cittadino straniero, nella
circostanza, ha reagito con violenza nei confronti del capotreno, colpendolo
con pugni al volto.

Nell’immediatezza,
sono intervenuti un appartenente alla Guardia di Finanza e due uomini dell’Arma
dei Carabinieri, i quali erano a bordo del convoglio fuori dal servizio. Sul
posto è giunta una  volante del
Commissariato di P.S. di Maddaloni, i cui operatori hanno fermato l’aggressore
e  condotto presso gli uffici del
Commissariato di P.S.. L’uomo,  con
precedenti per estorsione, risultava essere titolare di permesso di soggiorno scaduto.

Il capotreno aggredito, il quale
ha sporto denuncia per l’aggressione presso gli Uffici del Compartimento di
Polizia Ferroviaria di Napoli, ha riportato lesioni giudicate guaribili in 5
giorni.

Alla luce di quanto emerso
dall’attività di indagine, grazie al raccordo con gli Uffici del Compartimento
Polfer di Napoli e all’intervento dei due Carabinieri e del Finanziere che
hanno fermato l’uomo, per la  gravità del
fatto commesso,  il cittadino senegalese
è stato tratto in arresto per il reato di violenza a Pubblico Ufficiale,  dal personale del Commissariato di P.S. di
Maddaloni.

Commenta con Facebook