Ecomostro Biopower: battaglia in Cassazione per i soldi della fideiussione – pubblichiamo il testo integrale dell’ordinanza della Suprema Corte che ha accolto il ricorso di Tommaso e Giovanni Verazzo, annullato la sentenza della Corte d’Appello di Napoli e disposto un nuovo esame della complessa questione | caleno24ore

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Ecomostro Biopower: battaglia in Cassazione per i soldi della fideiussione – pubblichiamo il testo integrale dell’ordinanza della Suprema Corte che ha accolto il ricorso di Tommaso e Giovanni Verazzo, annullato la sentenza della Corte d’Appello di Napoli e disposto un nuovo esame della complessa questione

PIGNATARO MAGGIORE – Ancora notizie sulla telenovela relativa all’ecomostro (per fortuna affondato) della Biopower, stavolta con riferimento alla battaglia in sede legale degli imprenditori Tommaso e Giovanni Verazzo per quanto riguarda la fideiussione bancaria a favore della Regione Campania. Con ordinanza numero 18572/2018 la terza sezione civile della Corte di Cassazione ha accolto il ricorso dei Verazzo e  ha annullato “la sentenza impugnata con rinvio alla Corte di Appello di Napoli perché, in diversa composizione, proceda a nuovo esame” della questione. Sono in ballo molti soldi. Pubblichiamo il testo integrale della citata ordinanza numero 18572/2018 della Corte di Cassazione dalla cui lettura i nostri pochi ma affezionati lettori potranno ricostruire per intero la complessa vicenda.

In sintesi, la Corte di Appello di Napoli aveva in precedenza confermato la sentenza numero 11965/2014 con la quale il Tribunale di Napoli – come si legge nell’ordinanza della Suprema Corte – “aveva respinto le domande avanzate da Tommaso e Giovanni Verazzo, volte ad ottenere: a) l’accertamento della sopravvenuta estinzione (o della sussistenza delle condizioni per lo svincolo) della fideiussione prestata dal Sanpaolo Banco di Napoli (ora Banco di Napoli s.p.a.) a favore della Regione Campania nell’interesse della società Biopower s.p.a. (quale impresa destinataria di un contributo pubblico, finalizzato alla realizzazione di un impianto per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, nel quadro degli interventi previsti dal “Programma Operativo Regionale 2000-2006, misura 1.12”, di cui al bando approvato con decreto dirigenziale n. 238 del 16/6/2006); b) la liberazione dal pegno dei beni (consistenti in somme di denaro e titoli, per un valore di 1.700.000 euro) da loro consegnati alla predetta banca per consentire il rilascio della garanzia fideiussoria. Il Tribunale di Napoli aveva rigettato le domande attoree argomentando sul fatto che era intervenuto l’accordo tra Regione Campania e Biopower s.p.a. sull’opzione per i certificati verdi sul mantenimento e rinnovo delle fideiussioni a garanzia di un differente impegno”.

Biopower – Corte di Cassazione

Rassegna stampa

articolo di Rosa Parchi

da pignataronews.myblog.it

Commenta con Facebook

Condividi i nostri articoli

DeliciousGoogleYahooBloggerMyspaceRSS