L’esperienza del giovane vitulatino Paolo Scialdone al “Dream Team” del “Giffoni Innovation Hub

L’esperienza del giovane vitulatino Paolo Scialdone al “Dream Team” del “Giffoni Innovation Hub

GIFFONI – “Esiste un mondo in cui le persone non lasciano che le cose accadano. Le fanno accadere”
Così inizia la lettera di benvenuto che Sergio Marchionne scrisse ai dipendenti FCA. A me sembra quasi uno scherzo del destino il fatto che lui sia morto durante il mio ultimo giorno del “Dream Team” del “Giffoni Innovation Hub” e che questa lettera rispecchi il mondo che ho trovato lì, un mondo dove 35 ragazzi under 30 provenienti da tutto il mondo si incontrano e “non lasciano che le cose accadano, le fanno accadere”.
Per me, quella del “dream team”, è stata un’esperienza entusiasmante all’insegna della cultura, dell’innovazione e dello stare insieme dove ho conosciuto ragazzi fantastici con i quali ho avuto modo di relazionarmi umanamente e professionalmente, di scambiare idee, di ricevere consigli e spunti molto interessanti potendomi, inoltre, confrontare con realtà diverse dalla mia sia per fascia d’età, sia per interessi che per nazionalità. La mia esperienza al “dream team” è partita ed è stata accompagnata da una persona che mi preme ringraziare tantissimo ovvero Valentino Magliaro, per i pochissimi che non lo conoscono oltre ad essere il giovane scelto da Barack Obama tra i Civic Leader del mondo è un vero talento che con l’umiltà dei grandi è stato a disposizione di noi ragazzi, ci ha dato consigli importanti e ci ha stimolato continuamente come solo un vero leader sa fare… Obama ci ha visto bene!!!
Da subito ho iniziato a impegnarmi al fine di poter dimostrare che, nonostante fossi il più piccolo, avevo voglia di imparare e di fare, di conoscere e di farmi conoscere in una realtà caratterizzata da un’atmosfera unica e stimolante. L’entusiasmo di far parte di quella grande comunità cresceva sempre di più, incitato dall’alto livello di ragazzi con i quali mi confrontavo. Ho imparato molto, ho seguito lezioni interessanti con istituzioni ed esperti in vari campi come per esempio quello dell’innovazione passando al campo marketing alla comunicazione. L’intervento che più mi ha colpito è stato quello di Carlo Gubitosi fondatore e direttore artistico del Giffoni Film Festival che ha donato a noi ragazzi le frasi che lo hanno accompagnato durante il suo percorso che ha portato il Giffoni Film Festival, in 48 anni, a diventare uno dei festival più importanti al mondo. Le frasi erano: Si può fare; Si deve fare; E perché no.
Ho imparato tanto, si, ma spero anche di aver dato qualcosa. Spero di aver dato la mia determinazione, quella determinazione che mi ha spinto a rischiare a buttarmi nella mischia e a lasciare il segno, quella determinazione che penso non debba mai mancare perché secondo me è quella cosa che fa la differenza.
Si è parlato tanto di futuro, il futuro è nostro, il futuro che sogniamo possiamo averlo perché mi hanno insegnato che: “Se puoi sognarlo, puoi farlo”.

C.S. Paolo Scialdone

Commenta con Facebook