Quarto appuntamento con la Cultura in Confindustria Caserta, Alessandro Barbano presenterà il suo libro « Troppi diritti. L’Italia tradita dalla libertà » | caleno24ore

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Quarto appuntamento con la Cultura in Confindustria Caserta, Alessandro Barbano presenterà il suo libro « Troppi diritti. L’Italia tradita dalla libertà »

CASERTA – Confindustria Caserta Cultura è un percorso di appuntamenti culturali con artisti, studiosi e pensatori legati al territorio casertano; dopo la presentazione del libro “Matilde Serao, ‘a signora” curato da Nadia Verdile, quello di Gianni Solino “Il Cratere. Che fine fanno i ragazzi di camorra”, e Lidia Luberto con “Miriam Mafai”, Alessandro Barbano, presenterà il suo libro “Troppi diritti. L’Italia tradita dalla libertà” (Mondadori).

Dopo i saluti introduttivi del presidente di Confindustria Caserta Gianluigi Traettino, dialogheranno con l’autore il Prof. Giovanni Cerchia docente di Teoria e Storia dei sistemi politici comparati, Università del Molise e Raffaello Magi, Magistrato, Corte Suprema di Cassazione; a moderare l’incontro la giornalista de “Il Mattino” Nadia Verdile.

Alessandro Barbano, è un giornalista, saggista e docente italiano, direttore del quotidiano Il Mattino e docente a contratto di giornalismo politico ed economico, presso l’ Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Autore di saggi prevalentemente dedicati al giornalismo, Professionisti del dubbio (1997), L’Italia dei giornali fotocopia (2003), Degenerazioni (2007) e Dove andremo a finire (2010), nel 2012 ha pubblicato il Manuale del giornalismo, scritto in collaborazione con Vincenzo Sassu, nel quale esamina quasi tutti gli aspetti di maggior controversia e di sfida alla professione giornalistica contemporanea, con particolare attenzione ai social media e al giornalismo partecipativo.

All’interno del libro “Troppi diritti. L’Italia tradita dalla libertà” (edito da Mondadori), Barbano parla del declino italiano, collegandolo al virus dominante dei diritti, una sorta di deriva di ipertrofica dei diritti che ha infiltrato il discorso pubblico e bloccato ogni tentativo della politica e della società di riscattarsi.

C.S.

Commenta con Facebook

Condividi i nostri articoli

DeliciousGoogleYahooBloggerMyspaceRSS