Viviamo Pastorano attacca: “Strade dissestate, pericolo costante a danno dei cittadini” | caleno24ore

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Viviamo Pastorano attacca: “Strade dissestate, pericolo costante a danno dei cittadini”

PASTORANO – Di seguito il comunicato stampa del gruppo politico “Viviamo Pastorano”:

E’ delirante e ingiusto sentirsi dire da persone irriguardose che “… Dopo anni …” si provveda solo oggi al ripristino del fondo stradale per la sicurezza della circolazione urbana ed extra-urbana a Pastorano.

Eppure è noto che da sempre l’Amministrazione Comunale uscente ha garantito, costantemente ed in maniera efficiente, una giusta opera di manutenzione delle strade, affinché, per una maggiore sicurezza, non ci fossero danni a cose e persone.

Queste assurde valutazioni, inoltre, vanno a mettere in discussione l’efficace lavoro degli operai addetti, che è stato sempre svolto con attenzione e responsabilità, in modo costante nel tempo.

Intanto, in questi giorni, si sta provvedendo a ripristinare il manto stradale della zona industriale (località Torre Lupara), gravemente compromesso a causa della notevole circolazione di mezzi pesanti.

Nonostante ciò, auspichiamo che si intervenga repentinamente al riassestamento generale della rete viaria comunale, ma non in maniera superficiale come si sta cercando di fare nell’ultimo periodo, bensì secondo un piano di lavoro ottimizzato, integrale e continuativo.

A tal proposito, si ricorda che sono stati già presentati, qualche anno fa, dei progetti specifici per la messa in sicurezza e riqualificazione completa del Corso Italia quale arteria principale del Paese, di Via Matteotti e  Via Latina, pertanto, speriamo, che dette opere si realizzino in tempi brevi, di seguito a contributi regionali.

La tutela dei cittadini è da porre sempre al primo posto: serietà, responsabilità e sicurezza sono i punti di forza del nostro gruppo politico “Viviamo Pastorano”.

C.S.

Commenta con Facebook

Condividi i nostri articoli

DeliciousGoogleYahooBloggerMyspaceRSS