Capua, 14 gennaio: dalla baldoria della preistoria alla filosofia in osteria | caleno24ore

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Capua, 14 gennaio: dalla baldoria della preistoria alla filosofia in osteria

CAPUA – Dopo averci guidato per un’Europa devastata dai ghiacci della glaciazione Würm – nelle cui grotte, splendidamente decorate dai primi esempi d’arte al mondo, resteranno irrisolvibili misteri quali quello dell’uomo-uccello di Lascaux – l’undicesimo festival-laboratorio palascianiano di scienza, filosofia, poesia, arti varie, gioco e umana armonia “Dal Paleolitico a Palasciania. Undici salti in accelerazione geometrica lungo la storia dell’Homo sapiens sapiens” approda alla sua puntata n. 3, che – evocando paesaggi assai più verdi, e animati dalle prime attività agricole – si terrà domenica 14 gennaioalle ore 18.57, stavolta presso Palazzo della Gran Guardia (Capua, piazza dei Giudici 6), vedendo dunque per l’occasione l’Accademia Palasciania nuovamente in collaborazione con la Pro Loco di Capua. Ingresso gratuito, come sempre.

L’incontro consisterà in una lezione-spettacolo di Marco Palasciano, integrata da giochi vari, che avrà come tema di partenza il vino – come è facile intuire dal titolo “Neolitico. Invenzione del vino (circa 7.500 a.C.)” – e relative delizie e delitti, per poi volgersi fra l’altro alla sfera del dionisiaco (o meglio ipersfera, dove il basso della pulsione animale diviene tutt’uno con l’alto dell’idea di divino) nonché alla questione religioso-filosofica del ruotare della natura e delle sue risorse – più o meno inebrianti – intorno all’uomo, o al gatto, o a cosa, o a nulla.

Ricordiamo che è possibile inserirsi in qualsiasi momento del percorso, senza necessità di aver seguìto le puntate precedenti, i cui resoconti si troveranno in palasciania.blogspot.it come pure il programma completo di “Dal Paleolitico a Palasciania” e gli annunci di altri eventi palascianiani. Tra i quali, a proposito di vino, uno inclusivo di degustazione a cura della Vigna delle Ginestre – azienda produttrice di Lacryma Christi del Vesuvio DOP – si terrà in Aversa, a Palazzo Cascella, in data da definire; ma già il 14 gennaio a Capua, conclusa la puntata, si avrà una microdegustazione, in occasione della consueta cena comunitaria.

C.S.

Commenta con Facebook

Condividi i nostri articoli

DeliciousGoogleYahooBloggerMyspaceRSS